Via Costantino 25, 80125 Napoli

istitutocampano@libero.it

+39 081 621225 (Tel/Fax)

Istituto

L’Istituto Campano per la Storia della Resistenza, dell’Antifascismo e dell’Età Contemporanea “Vera Lombardi”, sorto nel 1964 per iniziativa di un gruppo di intellettuali antifascisti, democratici napoletani e campani, è associato all’Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione, con sede a Milano; fa parte della rete di circa 70 omologhi istituti diffusi sul territorio nazionale e svolge un costante impegno civile e culturale al servizio della Città e della Regione. Dispone di una ricca biblioteca (all’incirca 10.000 volumi), di un cospicuo archivio (numerosi fondi che coprono l’arco temporale dal Novecento fino ai nostri giorni, tra i quali va segnalato il “Fondo Bracco”, donatoci dagli eredi e di recente inventariazione), di una fonoteca, fruibili dal pubblico, nonché di varie mostre didattiche, aventi per tema il fascismo, le Quattro Giornate di Napoli, la Resistenza, l’antisemitismo, le stragi nazifasciste, la nascita della Repubblica.

È sede del MUDIM (Museo Didattico Multimediale), inserito nell’elenco regionale dei musei di interesse locale; ha l’accredito del Ministero della Pubblica Istruzione come agenzia formativa; organizza, quindi, corsi di aggiornamento per docenti e discenti; appronta progetti articolati sui bandi regionali “Scuole aperte”, IFTS e programmi cultura della Commissione Europea. Supporta la regione Campania e le Pubbliche Istituzioni nello svolgimento del “calendario civile” attraverso le più significative ricorrenze e gli anniversari di rilievo della storia e dell’attualità politico-culturale (27 Gennaio, 10 Febbraio, 8 Marzo, 21 Marzo, 25 Aprile, 9 maggio, 2 Giugno, 28 Settembre, 1 Ottobre).

L’Istituto Campano per la Storia della Resistenza offre i suoi servizi ai cittadini, agli studenti, alle scuole, agli insegnanti; la sua attività è costantemente finalizzata all’affermazione di valori universali quali la democrazia, l’antifascismo, la pace, la solidarietà e la giustizia sociale, nonché al recupero, alla cura e alla valorizzazione del patrimonio documentario.