Via Costantino 25, 80125 Napoli

istitutocampano@libero.it

+39 081 621225 (Tel/Fax)

2008 - Per-Gaetano-Arfè-2008-F

2008 - Per-Gaetano-Arfè-2008-R

C. RAIA, a cura di

Per Gaetano Arfé. Testimonianze, Napoli, Dante & Descartes, 2008

(Uomini e idee del Novecento), pp. 258.  

 

INDICE

Giorgio Napolitano, Un ricordo di Gaetano Arfè    p. 5

Guido D’Agostino, Prefazione    7

Ciro Raia, Nota introduttiva    11

 

Per Gaetano Arfè

Abdon Alinovi, Un uomo mite, un combattente ardente e pugnace    p.23

Massimiliano Amato, L’antico e indomito combattente del socialismo italiano    p.28

Caterina Arfè, Così ricordo mio padre    p.35

Domenico Auriemma, C’era un professore sempre accompagnato da uno stuolo di discenti    p.38

Enzo Bartocci, Gaetano Arfè: un’idea di socialismo    p.41

Giuseppe Cacciatore, L’immutato amore per gli apostoli del socialismo    p.48

Antonio Caldoro, Insegnò il valore progettuale e politico del gradualismo riformista    p.54

Angelo Capo, “Solo un socialista può scrivere un libro sul socialismo”    p.57

Filippo Caria, Uomo raro, per cultura e moralità    p.63

Gianni Cerchia, Gaetano Arfè e la critica alla neutralità della storia    p.67

Antonio Cimmino, Quella volta che gli vendetti una copia di “Non Mollare”    p.72

Pasquale Colella, Uomo del dialogo, capace di apprendere anche da coloro con i quali dissentiva    p.77

Carlo Correr, Anche la politica veniva dopo; prima c’era l’uomo    p.80

Maria Rosaria de Divitiis, I libri: l’ultima amarezza della sua vita!    p.82

Biagio de Giovanni, Il “maestro” della lezione gramsciana    p.89

Guido De Martino, Il rigore morale contro le pratiche del potere e della degenerazione della politica    p.93

Maurizio Degl’Innocenti, Gaetano Arfè e La Fondazione di studi storici “Filippo Turati”    p.102

Oliviero Diliberto, Un intellettuale apertamente contro la politica di dominio degli USA    p.109

Andrea Geremicca, Dolce e gentile nei tratti, fermo e tenace nelle posizioni    p.112

Ferdinando Imposimato, Critico irriducibile del socialismo avventuriero    p.114

Amato Lamberti, La storia del socialismo raccontata ai ragazzi di Barbiana    p.118

Antonio Landolfi, Il primo vero e veritiero storico del socialismo italiano    p.121

Pietro Lezzi, Il sogno di creare una sinistra unita e non settaria    p.124

Antonio Lioi, Che giornale, “l’Avanti!”, con la sua direzione!    p.126

Antonio Lombardi, Non sarebbe stato sorpreso dal risultato delle ultime elezioni    p.130

Emanuele Macaluso, Il combattente del socialismo    p.136

Luigi Marino, La grande speranza riposta nei valori della Resistenza e della Costituzione    p.139

Gerardo Marotta, Mi mise tra le mani I principi di etica di Bertrando Spaventa    p.142

Gilberto-Antonio Marselli, A volte la nostalgia serve    p.146

Luigi Musella, La sua approfondita visione culturale in opposizione al riformismo craxiano    p.150

Sergio Muzzupappa, Gaetano Arfè: la nobiltà del socialismo    p.153

Nerio Nesi, Uno storico, testimone e protagonista del proprio tempo    p.159

Luigi Parente, Per Gaetano Arfè “esperto più rosso”    p.161

Sandro Petriccione, Cinquant’anni di amicizia    p.166

Stefano Pivato, Quella grande capacità di saper divulgare la storia    p.170

Ciro Raia, Come fotogrammi di una pellicola    p.173

Umberto Ranieri, Gaetano Arfè: un socialista del Novecento    p.197

Marcello Rossi, Gaetano Arfè e “Il Ponte»    p.200

democrazia    p.207

Luciano Scateni, Idealmente impersonava tutti quelli che si erano opposti al nazifascismo    p.212

Giovanni Scirocco, «Dove si insegna con l’esempio l’onestà senza aggettivi, il raccolto non può mancare»: Gaetano Arfè a Firenze, tra storia e politica    p.217

Valdo Spini, Un politico eccelso nella saggezza, nella temperanza e nella magnanimità    p.240

Giuseppe Tamburrano, Difese e diffuse nel Partito socialista i valori del riformismo    p.246

Pia Vecchione, Gaetano, semplicemente ciao!    p.249

 

Notizie sugli Autori    p.252