Via Costantino 25, 80125 Napoli

istitutocampano@libero.it

+39 081 621225 (Tel/Fax)

Biblioteca - Emeroteca

La Biblioteca dell’ICSR è specializzata per la storia del Novecento, con particolare riguardo al fascismo, all’antifascismo e alla Resistenza a Napoli e in Campania.

Sono curate anche tematiche di particolare interesse quali razzismo, antisemitismo, immigrazione, storia locale, storia di genere, movimenti di protesta, didattica, memorialistica, storia dell’industria napoletana e campana.

E’ costituita attualmente di  23.500 volumi, 3000 opuscoli, 1000 testate di periodici storici e 160 correnti. Rivolta ad un pubblico sempre più vasto, ha come suo principale obiettivo rendere sempre più agevole e funzionale la consultazione del materiale posseduto, nonché di mettere a disposizione degli studiosi gli strumenti essenziali per una ricerca storico-sociale. 

DSC_4035

Il libro, nonostante i vari tentativi di ridurlo a mero “supporto cartaceo”, costituisce ancora l’”anima” della nostra biblioteca, che, per quanto adattati alle nuove esigenze telematiche, resta pur sempre, a detta di chi la frequenta, un luogo accogliente, una casa tanto dei libri quanto degli studiosi e degli studenti, un punto di arrivo e un punto di partenza per una maturazione culturale dei giovani frequentatori.

DSC_4028

DSC_4063

DSC_4029

DSC_4059

La Biblioteca dispone di inventari su supporto cartaceo, e di cataloghi (anche per l’emeroteca) su supporto cartaceo e informatico. Dispone inoltre di una sala di consultazione per il pubblico. È previsto il servizio di fotocopie, il prestito personale ed interbibliotecario, con l’esclusione delle riviste, dei volumi di pregio o di antiquariato  e delle opere di consultazione generale.

L’utenza è costituita per la maggior parte da ricercatori e laureandi, che sono assistiti  e consigliati attraverso percorsi bibliografici tematici.

Per la Biblioteca si segnalano: il fondo “Tagliacozzo”, all’incirca 3000 volumi che riguardano la nostra storia e quella degli Stati Uniti dal 1850 agli anni Sessanta del XX secolo; il fondo “D’Agostino”, circa 500 volumi di storia contemporanea; il fondo “Andrea Geremicca”, dirigente e deputato del PCI, di recente donazione, la cui consistenza si aggira intorno ai 2000 volumi; e il  fondo librario “Roberto Bracco” con volumi dei primi  del ‘900 di proprietà dello stesso Bracco, donatici dagli eredi.

 

DSC_4058

DSC_3994

ORARI E REGOLAMENTO

Orari

 

dal Lunedì al Venerdì

9:00 – 13:00

Sabato – Domenica

Chiuso

 

Orari

 

dal Lunedì al Venerdì

9:00 – 13:00

Sabato – Domenica

Chiuso

 

FONTI E STRUMENTI PER LA RICERCA

Da segnalare, per quanto riguarda l’Emeroteca, la raccolta de “Il Mattino illustrato” dal 1924 al 1979, la raccolta de “L’Espresso” dal 1955 al 1990, e la sezione  “Elezioni” ricca di pubblicazioni donate dal Ministero degli Interni contenenti i risultati delle consultazioni popolari dal 1946 al 1992, quando poi è subentrato il servizio informatico.

Significativi poi sono i numeri de “Il Mattino” e “Roma” del mese di settembre 1943, e gli 8 numeri di “Barricate” di Alfredo Parente pubblicati durante le “Quattro Giornate” di Napoli, quando fu interrotta la pubblicazione dei due principali quotidiani napoletani.

DSC_4356

DSC_4363

DSC_4360

DSC_4374

DSC_4370

DSC_4354

DSC_4351