Via Costantino 25, 80125 Napoli

istitutocampano@libero.it

+39 081 621225 (Tel/Fax)

Mudim

Il MUDIM (Museo Didattico Multimediale), con sede all’interno dell’Istituto Campano per la Storia della Resistenza, dell’Antifascismo e dell’Età contemporanea “Vera Lombardi” ha qui aperto una finestra che si affaccia su un panorama storico da cui trarre motivi quotidiani di riflessione per un impegno civile sempre rinnovato. Il Museo “luogo della Memoria” oltre ad essere un’ordinata messa in mostra di ciò che è accaduto dalla nascita dello squadrismo (1919) alla promulgazione della Carta Costituzionale (1948), è essenzialmente un luogo di esercizio della memoria collettiva, finalizzato a educare al moderno concetto di cittadinanza. Il percorso museale vuole rappresentare per i contenuti che propone, rivolti soprattutto agli studenti, una significativa occasione di didattica della storia legata al valore del concetto di libertà e di democrazia e all’importanza della partecipazione sociale e politica del singolo. E’ volto, quindi, alla formazione del cittadino italiano che nel 1948 trovò nella Costituzione italiana la propria naturale collocazione.

Il MUDIM ha essenzialmente una funzione pedagogica. Un Museo didattico è semplicemente un luogo che ricorda la storia di uomini e donne, è un luogo dove la storia diventa somma di singole storie, dove la memoria deve essere un’esperienza che cresce dentro di noi, una sorta di cammino  verso la coscienza di maturazione interiore che diviene una presa di coscienza e di responsabilità.

DSC_3924

16DSC_3983

DSC_3954

15DSC_3966

Ha partecipato alla “Mostra di buone pratiche” all’interno della manifestazione Museinforma, iniziativa promossa dalla Regione Campania–Settore Musei e Biblioteche, svoltasi dal 27 al 29 marzo 2008 presso il Complesso di San Lorenzo Maggiore.

Ai piccoli musei campani è stata dedicata una sezione speciale di Museinforma.

Il MUDIM, selezionato con altri musei di interesse locale, ha partecipato con un proprio DVD  che ripercorre il percorso tematico delle mostre in esposizione.

L’itinerario museale si articola attraverso sette stanze: seguendo un percorso cronologico – dal fascismo alla Costituzione –  si inizia dalla denuncia della sopraffazione della dittatura fascista e dei suoi crimini (confino e soppressione dei suoi oppositori), si ripercorrono episodi di antifascismo, di antisemitismo, di stragi nazifasciste, di resistenza locale – con particolare rilievo alle Quattro Giornate di Napoli – e nazionale, fino alla valorizzazione della democrazia, della libertà, dei diritti. Una sezione del Museo è dedicata alla proiezione di film, diapositive, documenti che vengono selezionati volta per volta con il docente accompagnatore delle classi, in modo da privilegiare l’età degli studenti e gli obiettivi formativi del progetto didattico in cui la visita al Museo è inserita.

Le classi vengono sempre accompagnate da nostre guide.

Il MUDIM è stato accreditato dalla Regione Campania quale museo di interesse locale.

DSC_4003

Il MUDIM ospita attualmente 11 mostre, messe a disposizione delle scuole e di tutti i cittadini interessati alla storia del Novecento:

L’Ebreo come diverso. La persecuzione antisemita in Italia

16 pannelli che ripercorrono gli anni 1938 – 1945, dalla promulgazione delle leggi razziali in Italia alla Liberazione (con relativo catalogo a cura di GChianese)

Ebreo come diverso

 

 

Triangoli viola. Le “vittime dimenticate” del regime nazista

36 pannelli che illustrano la persecuzione e lo sterminio dei Testimoni di Geova

Triangoli Viola

Erba rossa

Mostra fotografico-documentaria di 24 pannelli sulle stragi naziste nel 1943 in Terra di Lavoro (con relativo catalogo a cura di F. Corvese)

Erba Rossa

 

Gli anni della transizione: 1943 – 1948

12 pannelli che ripercorrono la storia dell’Italia dal 25 luglio 1943, la caduta del fascismo, all’aprile del 1948, quando si vota per il primo parlamento dell’Italia repubblicana. Nella transizione dal fascismo alla repubblica, il voto del 2 giugno 1946 costituisce l’elemento di cesura tra i due periodi.

Vento da Sud

Articolata in 4 gigantografie e in 13 grandi pannelli in stoffa, la mostra offre una visione d’insieme degli avvenimenti tra il 10 luglio ‘43 (sbarco degli Alleati in Sicilia) e il 4 giugno ‘44 (liberazione di Roma), che hanno riguardato le regioni centro-meridionali, inquadrandoli in una prospettiva nazionale

Vento da Sud

 

Viaggio ad Auschwitz

La mostra di Luigi Donadio e Tonia Pizzorusso (con un inquadramento storico di Francesco Soverina) si compone di 40 pannelli su cui sono esposte altrettante foto scattate ad Auschwitz, nell’estate del 2005

Viaggio ad Auschwitz

 

1946: la nascita della Repubblica

Allestita nel 2006 in occasione del 60° anniversario della nascita della Repubblica, la mostra comprende 49 documenti tra foto, giornali e manifesti elettorali originali del ’46, esposti su 34 pannelli

1946: La nascita della Repubblica

 

 

Le Quattro Giornate di Napoli tra storia ed arte

10 disegni contro il fascismo del pittore napoletano Raffaele Lippi e 30 pannelli con riproduzioni di giornali e foto, tratte dall’archivio fotografico e dall’emeroteca dell’ICSR

Le 4 Giornate di Napoli

La memoria d’acciaio. Una fabbrica, un quartiere, una città

36 pannelli che attraverso fotografie, documenti, opuscoli e quadri, ripercorrono 100 anni di storia dell’Ilva-Italsider

Memoria d'Acciaio

Storia di un internato militare nei lager del Terzo Reich

24 pannelli che espongono  attraverso foto e documenti la triste vicenda di Vittorio Canale, internato nei campi nazisti

Storia di un internato militare nei lager del Terzo Reich


Roberto Bracco

10 pannelli e 16 fotografie che illustrano alcuni momenti della vita del drammaturgo napoletano.

Roberto Bracco